Home  >  Studi in Italiano  >  NON CI SI SALVA ATTRAVERSO LE BUONE OPERE
NON CI SI SALVA ATTRAVERSO LE BUONE OPERE PDF Print E-mail

Veniamo salvati se si agisce onestamente? La maggior parte delle persone risponde affermativamente a questa domanda. Dio però si esprime al riguardo con un chiaro no.In Isaia 64:5 leggiamo: " Tutti quanti siamo diventati come  l'uomo impuro, tutta la nostra giustizia  come un abito sporco". Agli occhi di Dio la nostra giustizia, il nostro voler fare opere buone, i nostri sforzi sono come un vestito sudicio. Come potrebbe salvarci una simile giustizia? Come possiamo essere salvati? Non sta in noi ,ma in Dio, se e in quale modo possiamo essere salvati. Non dobbiamo fidarci delle nostre personali immaginazioni, ma dobbiamo dare ascolto a ciò che Dio dice. Poiché Dio è il Signore, solo da Lui possiamo attenderci una risposta valida. A questa domanda però, molti non dimostrano interesse alla Parola di Dio.

Essi credono che nella fede in Gesù contino solo le buone opere, mentre non avvertono in questo caso che non siamo affatto in grado di fare del bene. Proprio perciò dobbiamo credere in Gesù.Vi sono purtroppo molti cosiddetti fedeli, che non si accorgono di questa realtà. Essi credono che Dio gioirà e li salverà, se conducono una vita moralmente irreprensibile,fanno a volte delle elemosine e cooperano nei servizi ecclesiastici. Si danno cioè vera pena e fanno ciò che possono.Ma tutte queste cose non hanno nulla a che fare con la salvezza, e nessuna discussione con altisomanti parole umane e pensieri profondi ne può modificare il senso. Poiché la Parola di Dio che sola possiede autorità ci dice:" Poiché riteniamo che l'uomo è giustificato mediante la fede senza opere della legge " ( Romani 3:28). Le opere della legge sono le nostre buone opere. Dio stesso ci ha dato la legge con tutte le esigenze. Ma nessuno è capace di rispettarla. Perciò Dio ci ha mostrato attraverso l'apostolo Paolo che l'uomo diventa giusto senza le opere della legge. Ma che significa diventare giusto? Agli occhi di Dio sono rimesse i peccati a colui che crede in Gesù. E con la remissione dei suoi peccati è giustificato davanti a Dio e quindi salvato. Se siamo diventati giusti, siamo dunque anche salvati.

Come avviene questa salvezza?

Questa salvezza non avviene per mezzo delle opere, ma per grazia." Ma dove il peccato è abbondato,la grazia è sovrabbondata"(Romani 5:20). Nom sei un peccatore? Quante volte la tua coscenza non ti ha accusato? Non ti sei accorto che non v'è speranza per te? Non ti fare ingannare dalle tue umane fantasie; non credere all'opinione che sarai salvato se farai del bene e canterai o pregherai o andrai al servizio di Dio. Non pensare di coprire i tuoi  peccati con metodi umani. Per quanto tu li possa coprire, rimarrai tuttavia un peccatore e non potrai liberartene come non lo potrà fare un negro col colore scuro della pelle, anche se s'incipria molto o si tinge di colore chiaro. Solo il prezioso sangue del Signore Gesù ti potrà purificare. Nonm fidarti perciò delle buone opere,ma riconosci piuttosto che sei un peccatore senza speranza, e accogli perciò Gesù come tuo Salvatore. Allora sarai salvato.L'evangelista Spurgeon ha detto una volta che non avvrebbe mai voluto essere cristiano se la salvezza fosse dispesa dalle sue buone azioni. Per quanto facesse del bene, non sarebbe mais stato in grado di soddisfare Dio, perché Dio è perfetto e con i nostri sforzi non potremmo mai raggiungere il livello di Dio. Non è questa una situazione priva di speranza? Ma sia resa lode a Dio perché Egli stesso ci ha offerto una soluzione inviando Suo Figlio, di cui si compiace tanto. Se crediamo in Lui, siamo essere e per quanto possiamo essere non graditi a Dio, Egli tuttavia dovrà salvarci se crediamo in Gesù. Poiché il Signore Gesù ha adempiuto per noi ogni giustizia  con la Sua morte in croce e tale giustizia soddisfa pienamente Dio. Nella lettera di Romani Paolo scrive:"Ma sono giustificati gratuitamente per la sua grazia,mediante la redenzione che è in Crsito Gesù"( Romani 3:24)." Ma se è per grazia, non è piu per opere; altrimenti,la grazia non è piu grazia"( Romani 11:6). Questi due passi significano chiaramente che siamo stati salvati per la grazia e non per le opere. Grazia e opere stanno tra loro in contrapposizione. Il principio della grazia è che la salvezza nnm viene dall'essere buoni ma dalla misericordia di Dio. Il principio dell'opera invece presuppone che solo gli uomini buoni possono essere salvati e non i cattivi. Dovresti perciò salvare te stesso per non andare in rovina. Noi però siamo tutti peccatori e corrotti: la nostra condotta è piena di cattiveria e la nostra ragione sovrabbonda di pensieri malvagi. Come potremmo salvarci da soli con le nostre opere? è impossibile, ma, Dio sia lodato: Egli è misericordioso e ci salva per grazia.

Cosa devi fare per ottenere la salvezza?

Qualcuno penserà ora che Dio ci ha salvati proprio per grazia, ma ciò nonostante le nostre opere rappresentino un ruolo decisivo. " Ma se è per grazia, non è piu per opere; altrimenti,la grazia non è piu grazia"( Romani 11:6). La sacra scrittura non dice che puoi essere salvato sia per grazia che per merito delle opere. Anzi le nostre nostre opere rendono nulla la grazia. Accogli perciò la grazia di Dio con cuore pieno di fede e riconoscenza. Solo ciò che il Figlio Di Dio con la Sua morte in croce ha compiuto, ti può salvare. E questa meravigliosa grazia viene concessa gratuitamente a noi peccatori, ci viene donata. " Sappiamo che l'uomo non è giustificato per le opere della legge ma soltanto per mezzo della fede in Cristo Gesù, e abbiamo anche noi creduto in Cristo Gesù per essere giustificati... non dalle opere della legge ; perché dalle opere della legge nessuno sarà giustificato"...( Galati 2:16). "Infatti tutti quelli che si basano sulle opere della legge sono sotto maledizione..."( Galati 3:10). "E che nessuno mediante la legge sia giustificato davanti a Dio è evidente"...( Galati 3:11) Tener fede alla legge significa che noi vogliamo essere giustificato attraverso le buone opere. Ma che ci dice la Bibbia in questi passi? Essa indica perfino che ci troviamo sotto la maledizione se abbiamo in animo di fare uso delle opere della legge. Vediamo dunque che nessuno verrà giustificato per aver fatto del bene.Perché allora cerchi di raggiungere ciò che mai potrà essere raggiunto? Il Signore è già morto per te in croce. E gli ha già compiuto l'opera. Egli ha pagato per noi il prezzo. Basta che tu accolga questa redenzione che per te Egli ha compiuto e poi sarai salvato." Infatti è per la grazia che siete stati salvati, medianti la fede; e ciò non viene da voi; è il dono di Dio. Non è in virtù di opere, affinché nessuno se ne vanti" ( Efesini 2:8-9). In questi passi vediamo grazia e fede. Dio ci ha dato la grazia; cioè ha preparato il Salvatore e una redenzione per noi.

Quanto è profonda e imperscrutabile questa grazia! Noi uomini non siamo in grado di aiutarci da soli.
Dio però ha compiuto tutto per noi. Attraverso la croce del Golgota si spressa questa grazia. Ma come possiamo riceverla? Non certo facendo del bene o per autodominio,né frequentando le messe, ma attraverso la fede. Da un lato Dio ci ha dato la grazia, dall'altro però dobbiamo accettare la grazia anche attraverso la fede. Quindi, sebbene Dio abbia fatto per noi tutto, non possiamo tuttavia essere salvati, a meno che noi crediamo.Che cosa è la fede??? Fede significa che noi accogliamo il Signore Gesù (Giovanni 1:12). Dio ha preparato la grazia e se tu l'accogli, essa ti appartiene, quindi sarai salvato. Perché Dio non salva gli uomini in base alle loro opere? "Affinché nessuni se ne vanti" Questo è uno dei motivi. Se gli uomini potessero essere salvati per le opere,si vanterebbero da soli, ma non darebbero a Dio l'onore, non Lo glorificherebbero. Il peccato peggiore dell'uomo consiste nell'essere indipendente da Dio. Gli uomini sono superbi; perciò rifiutano la grazia di Dio o la respingono.Vorrei raccontarvi in breve storia. C'era una volta un uomo ricco. Quando vide quanto soffriva nel freddo inverno la povera gente, fu colto da grande compassione e mandò il suo servitore a portare ad essa del carbone. La famiglia che il suo servitore raggiunse  per prima, lo respinse col suo dono. Essa non poteva immaginare di avere un amico cosi ricco e misericordioso. Anche le altre famiglie si comportarono in egual modo e respinsero il dono. Infine una vedova accolse con gioia il carbone e superò cosi il freddo inverno.Non annullare la grazia di Dio. Non essere diffidente ma accogli la grazia di Dio. Anch'essa è un dono e se l'accogli sei salvato. "Io non annullo la grazia di Dio; perché se la giustizia si ottenesse per mezzo della legge, Cristo sarebbe dunque morto inutilmente" (Galati 2:21). Se ci fosse per noi una possibilità di venire giustificati attraverso le nostre personali opere, Dio avrebbe inviato invano Suo Figlio facendoLo morire per noi. Come potrebbe essere Dio cosi insensato nel preparare un'opera di salvezza per farla poi definire inutile e non valida d noi uomini? Per quani la possono respingere, essa mantiene tuttavia la sua validità. Noi non raggiugiamola salvezza né da noi stessi,né dalle opere ( Efesini 2:8-9). Essa dipende perciò non  dal fatto che tu sia intelligente o stupido, moralmente migliore o peggiore, ricco o povero. Tutte queste proprietà nulla hanno a che vedere con la salvezza. Basta che tu accolga la grazia.   Se poi non lo vorrai fare sarai perduto per quanto buono tu possa essere. Riconosci che sei un peccatore.Anche ora, in questo momento, puoi pregare Dio e dirGli che accogli Gesù come Salvatore. Non affermare di essere già salavto perché sei cristiano o perché sei battezzato o perché hai partecipato alla cena del Signore o perché dirigi una comunità cristiana qualunque. Tutte queste cose non ti possono salvare.Se non accogli Gesù Crsito salvatore, morto per i tuoi peccati, non puoi essere salvato, ma sei perduto come tutti gli infedeli, qualunque cosa tu faccia o qualunque posizione tu possa ricoprire.
Solo il prezioso sangue di Gesù può ricoprire i peccati. Solo la redenzione compiuta dal Signore in croce è attendibile e degna di fede, non però le tue opere. Per noi uomini Dio ha preparato un'unica opera di salvezza. Riconosci di essere peccatore, prega Dio di salvarti come conseguenza della morte di Cristo. Allora Egli ti dirà: " Colui che viene a me, non lo caccerò fuori" (Giovanni 6:37).

 

Add comment



RADIO GOSPEL ON LINE

"