Home  >  Studi in Italiano  >  GESÙ È VENUTO PER …
GESÙ È VENUTO PER … PDF Print E-mail

"Ella partorirà un figlio, e tu gli porrai nome Gesù, perché è lui che salverà il suo popolo dai loro peccati" (Matteo 1: 21.

"Come i cieli sono alti al di sopra della terra, così sono le mie vie più alte delle vostre vie, e i miei pensieri più alti dei vostri pensieri. Come la pioggia e la neve scendono dal cielo e non vi ritornano senza aver annaffiato la terra, senza averla fecondata e fatta germogliare, affinché dia seme al seminatore e pane da mangiare, così è della mia parola, uscita dalla mia bocca: essa non torna a me a vuoto, senza aver compiuto ciò che io voglio e condotto a buon fine ciò per cui l'ho mandata" (Isaia 55:8-11)."Mariti, amate le vostre mogli, come anche Cristo ha amato la chiesa e ha dato sé stesso per lei" (Efesini 5:25)."Essi cantavano un cantico nuovo, dicendo: «Tu sei degno di prendere il libro e di aprirne i sigilli, perché sei stato immolato e hai acquistato a Dio, con il tuo sangue, gente di ogni tribù, lingua, popolo e nazione" (Ap 5:9).L'opera di Cristo sulla croce ha conseguito con pieno successo i propositi che Dio con essa si prefissava. Obiettivo dell'opera di Dio in Cristo non era semplicemente cercare di salvare più gente possibile. Immaginate se fosse stato così. Se fosse stato così, allora pensate:

che frustrazione, che tristezza, dopo aver detto e fatto tutto questo, trovarsi di fronte all'ostinato rifiuto di molti di accoglierla e vedere così fallire i Suoi sforzi in ossequio "all'inviolabile" libero arbitrio umano...                                                                       
Che spreco di risorse, quanto sangue versato per nulla! (Secondo questa teoria) purtroppo Dio non ci poteva fare proprio niente ...perché non Gli era consentito violare la sacrosanta ed intoccabile libertà umana di respingere la salvezza. Cristo, suo malgrado, avrebbe dovuto tristemente accettare il fatto che per molti il Suo sacrificio non sarebbe servito proprio a nulla! Povero Cristo!

Le cose stanno in questo modo? No.Cristo è morto totalmente soddisfatto per aver realizzato con successo quanto si era proposto di fare. Infatti, Egli è morto per i Suoi amici, per il Suo gregge, per il Suo popolo, per la Sua Chiesa. Egli ha realizzato, compiuto, l'opera di redenzione per tutti coloro che rientrano in questo numero.

Tutti i "particolaristi" (coloro che credono che non tutti saranno salvati, che vi saranno di fatto coloro che passeranno l'eternità separati da Dio in ciò che chiamiamo inferno) credono nel fatto che l'opera di Cristo sia necessariamente limitata alla salvezza di coloro ai quali Dio ha scelto di concedere la Sua grazia. Gli arminiani limitano la sua efficacia perché la redenzione diventa efficace attraverso la cooperazione ed il consenso umano; i riformati limitano la sua estensione.

Come disse C. H. Spurgeon, "La dottrina delle Sacre Scritture è questa, che in quanto l'uomo non poteva osservare la legge di Dio, essendo decaduto in Adamo, Cristo venne ed adempì la legge al posto ed in favore del Suo popolo; in quanto l'uomo aveva già infranto la legge divina ed era incorso nella pena dell'ira di Dio, Cristo venne e soffrì in luogo, al posto, ed in favore dei Suoi eletti affinché, sopportando ogni strale dell'ira [di Dio contro il peccato], essi potessero esserne completamente liberati, cosicché nemmeno una goccia di questa ira di Dio sarebbe più caduta su di loro, il popolo acquistato dal Suo sangue" (Sermone 310 - "Cristo nostro Sostituto", New Park Street, Soutwark).

In un'altra occasione Spurgeon così predica: "Io preferisco credere in una redenzione limitata che sia efficace per tutti coloro per i quali sia intesa, che in una redenzione universale che non sia efficace per nessuno in particolare se non per coloro che, con la propria volontà, [magari] decidono per essa" (Sermone 173 - Metropolitan Pulpit 4:121).

E in un altra occasione ancora: "Se fosse stata intenzione di Cristo salvare tutti, che deplorevole delusione avrebbe avuto, perché Egli stesso testimonia come vi sia [di fatto] un lago di fuoco e di zolfo, e in quella fossa devono essere gettate le stesse persone che, secondo questa teoria, pur essendo state comprate con il Suo sangue [respingono questa redenzione]. Questo mi sembra mille volte più spaventevole di tutti gli orrori che alcuni associano alla dottrina cristiana e calvinista della redenzione particolare" ." (C. H. Spurgeon - Sermon 204 - New Park Street Pulpit 4:553).

 

 

 

Add comment



RADIO GOSPEL ON LINE

"