Home
Perché non Bisogna Fidarsi dei Testimoni di Geova PDF Print E-mail

Guardatevi dai falsi profeti i quali vengono verso di voi in vesti da pecore, ma dentro son lupi rapaci. Matteo 7:15

Vi fidereste di un chirurgo che deve operarvi e che non vuole darvi il suo nome e le sue credenziali? Oppure, vi fidereste di un avvocato che deve difendervi contro false accuse per un delitto se rifiuta di fornirvi il suo nome e le sue credenziali?

Ci si può rendere così conto, di quanto sia importante conoscere le fonti per ogni cosa che riguarda la nostra vita, a maggior ragione se si tratta di qualcosa così importante come la fede.

Come nel caso dell’avvocato, è essenziale conoscere queste cose altrimenti non potremmo fidarci di lui perché potrebbe rovinarci la vita. Il suo rifiuto a fornirci nome e credenziali o qualifiche non ci permette di avere fiducia di lui, perché è un atteggiamento disonesto di qualcuno che ha qualcosa da nascondere. Come potrà mai rappresentarci onestamente davanti ad una corte?

Lo stesso atteggiamento critico dovremmo avere per ciò che concerne la fede e la vita spirituale, e porci domande su chi ci insegna tali dottrine, conoscere la loro storia, il modo in cui sono organizzati e chi c’è dietro tutto questo, da un punto di vista più neutrale possibile.

Una volta, parlando con una Testimone di Geova, le ho esposto i miei dubbi sulla Torre di Guardia, sul fatto che fosse una Spa, e quindi una società dove girano capitali, sul fatto che la congregazione fosse stata fondata da un certo Russell che si era preso la briga di ritradurre la Bibbia daccapo, e di come costui non fosse affatto istruito ed esperto di lingua greca. Per tutta risposta la signora mi dice “non è vero che veniamo da Russell” e io le ho risposto “ma come? È scritto in tutti i libri e enciclopedie!” e lei “Non è vero nulla, se voglio conoscere qualcosa vado direttamente alla fonte, non posso andare dal nemico, solo alla fonte [la Torre di Guardia] mi diranno la verità”. Io le ho detto “Ma è assurdo, è scritto in tutti i libri di storia e sulle enciclopedie. Questi testi sono neutrali, perché li consideri il nemico? Il tuo discorso non fila perché è come se io, per sapere se una persona ha commesso un omicidio vado direttamente dall’assassino a chiedere se è vero. È ovvio che l’assassino negherà ed è ovvio che, per avere il punto di vista neutrale, devo andare da una persona che osserva i fatti dal di fuori e senza convenienze, come ad esempio un giudice in questo caso”. La signora è diventata tutta rossa e se n’è andata. Da notare che le avevo offerto di leggere passi della rivista della Torre di Guardia direttamente sul mio schermo del pc, e questa signora chiudeva gli occhi e mi parlava sopra di altro, pur di non leggere. Incredibile! Non crede nemmeno alla Torre di Guardia perché è sul mio pc? Perché il mio pc è satanico? Perché gli altri siti sono satanici?

Questo passo della loro rivista le avevo mostrato:

è vietato leggere letteratura edita da altre organizzazioni religiose e scritti di ex Testimoni di Geova (La Torre di Guardia del 15/8/1984 p.31; del 1/12/1983 p.15; del 15/3/1986 p.12; del 1/7/1994 pp. 8-13).

Loro non sopportano che la Torre di Guardia sia messa in dubbio, loro credono a tutto quello che raccontano, pur non sapendo chi ha tradotto la loro Bibbia, se fossero persone istruite o meno. Per loro tutti coloro che sono al di fuori della Congregazione dei Testimoni di Geova, son nemici che tentano e fanno parte del mondo satanico. Ma io dico, a che pro infangare chi predica il giusto Vangelo senza doppi fini? Perché mai farlo? Sarebbe andare contro Dio stesso. Eppure c’è un detto dalle mie parti che dice “L’albero senza il vento non si smuove!” Quindi, se ci sono così tanti testi che ne parlano male e che li accusano, se ci sono i libri di storia che raccontano la biografia di Russell in maniera neutrale, se ci sono ex testimoni che raccontano tutte le loro esperienze di manipolazione psicologica subita, penso varrebbe la pena di approfondire un po’ l’argomento senza pregiudizio da parte loro. Perché mai non farlo? Non viene in mente a nessuno di loro che, il fatto che i “capi” proibiscano di leggere altri generi di libri critici non editi dalla Torre di Guardia o di andare all’università (vedi discorso di Gerrit Losch, membro del Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova, a Monza nel 2005) possa significare che hanno qualcosa da nascondere e bisogna quindi mantenere la gente in uno stato di più totale ignoranza e sudditanza psicologica?

La Bibbia della Torre di Guardia ha rifiutato di fornire ai suoi adepti i nomi e le credenziali della commissione che ha tradotto la loro Bibbia, la Traduzione del Nuovo Mondo. Hanno ingannato molti con loro traduzione, ed ecco i motivi del loro rifiuto.

Hanno inventato regole inesistenti nella grammatica della lingua greca e le adattano ogni tanto solo quando è necessario per spiegare una loro particolare dottrina (ad es. la divinità di Cristo). Un chiaro esempio di questo è la traduzione del versetto d Giovanni 1:1, dove la commissione della Torre di Guardia ha reso il greco “e la Parola era Dio” con “e la Parola era un dio”. Ed ecco la spiegazione che ne danno in una loro pubblicazione “La Traduzione interlineare del Regno dalle Scritture Greche”, pag. 1158:

“La ragione per la quale è stato reso “Dio” del testo greco con “un dio” nella TNM è perché davanti a dio riferito a Gesù, non c’è l’articolo determinativo”.

Ma dobbiamo portare all’attenzione del Corpo Direttivo i versi 6, 12 e 13 (trovati anch’essi nel primo capitolo del vangelo di Giovanni). Qui il nome greco Theos appare senza l’articolo determinativo (come in Giovanni 1:1) però la commissione della TG l’ha tradotto “Geova” (Dio). Questo mostra come loro applichino le loro regole solo dove conviene.

Un altro esempio di regola grammaticale inesistente è quella che ci insegna a storpiare e rimpiazzare il nome di Dio. Sappiamo che si possono rendere le parola greche “Kyrios” (Signore) and “Theos” (Dio) in nomi divini determinando se gli scrittori greci cristiani hanno citato dalle Scritture ebraiche (vecchio testamento). Se così possiamo rendere “Kyrios” (Signore) and “Theos” (Dio) come Dio Geova. Inoltre la regola della TG non viene applicata dalla commissione quando traducono Filippesi 2:11. L’apostolo Paolo cita Isaia 45:23 quando dichiara “e ogni lingua confessi che Gesù Cristo è il Signore, alla gloria di Dio Padre”.

La commissione della TG ha dunque creato un tempo passato greco inesistente. Possiamo citare l’edizione del 1950 della loro Traduzione del Nuovo Mondo dove traducono Giovanni 8:58, rendendo “ego eimi” con “sono stato” e dove dichiararono che “esso è propriamente tradotto con il passato indefinito perfetto” nella lingua greca. Non esiste il passato perfetto indefinito perfetto in nessuna lingua! Dopo che la Torre di Guardia fu informata di questo fatto, fece il cambiamento in “passato perfetto indicativo” ma come gli studenti di greco sanno, è presente indicativo ed è correttamente tradotto “IO SONO” (vedi Esodo 3:14).

Hanno aggiunto parole alle Scritture che cambiano il significato dei testi originali per accordarli con le loro dottrine. Ad esempio in Colossesi 1:16-17, dove la parola “altre” (non presente nel testo originale greco) è stata aggiunta nel testo dei TdG quattro volte e questo ne ha cambiato completamente il significato. Quando Paolo scrisse quei passi dove spiega che il Figlio creò tutte le cose, è ovvio che il Figlio non fosse stato creato ma fosse Dio. La Torre di Guardia sostiene che il Figlio è stato creato e ha aggiunto la parola “altre” per giustificare questa dottrina. In Colossesi 1;16-20 nella traduzione ufficiale TNM troviamo:

“…perché per mezzo di lui tutte le [altre] cose furono create nei cieli e sulla terra, le cose visibili e le cose invisibili, siano esse sui troni o signorie o governi o autorità. Tutte le [altre] cose sono state create per mezzo di lui e per lui. Ed egli è prima di tutte le [altre] cose e per mezzo di lui tutte le [altre] cose furono fatte esistere…”

Dove altre è messo tra parentesi quadre come aggiunta.

Mentre questa è la traduzione originale delle nostre Bibbia, cattolica e protestante:

poiché in lui sono state create tutte le cose che sono nei cieli e sulla terra, le visibili e le invisibili: troni, signorie, principati, potenze; tutte le cose sono state create per mezzo di lui e in vista di lui. Egli è prima di ogni cosa e tutte le cose sussistono in lui. Egli è il capo del corpo, cioè della chiesa; è lui il principio, il primogenito dai morti, affinché in ogni cosa abbia il primato. Poiché al Padre piacque di far abitare in lui tutta la pienezza e di riconciliare con sé tutte le cose per mezzo di lui, avendo fatto la pace mediante il sangue della sua croce; per mezzo di lui, dico, tanto le cose che sono sulla terra, quanto quelle che sono nei cieli. (Colossesi 1:16-20)

E sappiamo che chi manipola la Bibbia, che è la Parola di Dio Eterna, non è con Dio!

Ma anche se noi o un angelo dal cielo vi annunziasse un vangelo diverso da quello che vi abbiamo annunziato, sia anatema. Galati 1:8

Gli uomini che facevano parte nella commissione della traduzione del Nuovo Mondo (N.H. Knorr, F.W. Franz, A.D. Schroeder, G.D. Gangas and M. Henschel.) non erano preparati culturalmente e accademicamente per svolgere un compito così importante. A parte il presidente Franz, nessuno dei membri della commissione conoscevano il greco biblico o l’ebraico e l’abilità di Franz è certo discutibile.

Che dire? Non fidatevi dei Testimoni di Geova, essi hanno aspetto da pecore ma dentro sono lupi rapaci (Matteo 7:15), sono falsi profeti, le loro ripetute profezie non si sono MAI avverate, e la Bibbia ci mette in guardia contro falsi dottori e profeti. Si presentano gentili e dicono di non volervi far cambiare religione ma solo confrontarsi, ma la verità non è quella: in realtà vogliono portarvi nella loro congregazione, altrimenti non continuerebbero imperterriti a venire da voi. Vogliono persuadervi, vogliono convincervi, e faranno di tutto per farlo, specialmente se le loro “vittime” sono persone che stanno soffrendo per qualche motivo, sono le loro più facili prede. Dicono che non sono gli unici a salvarsi, ma è esattamente il contrario: chi non segue la Torre di Guardia fa parte della Grande Babilonia di Apocalisse, ed è da Satana, la falsa religione. Questo scrivono nei loro opuscoli. E’ inutile parlare con loro, non c’è dialogo, non ascoltano, parlano solo loro come dei robot, in base a quello che gli è stato insegnato. E mentre voi fate una domanda essi stanno solo pensando a cosa devono ancora dirvi, non vi ascoltano! Sono abili nel cambiare discorso e nel raggirarvi, sono stati preparati per questo, hanno fatto dei corsi. Portano con sé dei registri dove annotare quante persone hanno visitato e quanti opuscoli hanno consegnato: più ne consegnano e maggiore sarà il loro premio presso Geova. Questo è quel che gli insegnano. Non sono persone cattive, loro sono in buona fede, sono solo vittime della Società Torre di Guardia che ha fatto loro il lavaggio del cervello, sono succubi. Avere a che fare con loro è solo perdita di tempo, e può anche essere pericoloso per coloro che non sono molto ferrati nella conoscenza biblica e si farebbero persuadere, quindi evitateli.

 

Add comment



RADIO GOSPEL ON LINE

"