Home  >  Studi in Italiano  >  Simboli dello Santo Spirito.
Simboli dello Santo Spirito. PDF Print E-mail

 Simboli dello Santo Spirito.


Simboli dello Santo Spirito. 

“ Appena battezzato, Gesù uscì dall'acqua: ed ecco, si aprirono i cieli ed egli vide lo Spirito di Dio scendere come una colomba e venire su di lui”. (Mt 3.16)

Verità pratica

La pluralità dei nomi e dei simboli dello Spirito Santo rivela Sua divinità, opera e il ministero nella vita della chiesa di Cristo. 

Lettura biblica. (Giovanni 1.29-33; Romani 8.9-11,14,15)

GIOVANNI.

29- Il giorno dopo, Giovanni vedendo Gesù venire verso di lui disse: «Ecco l'agnello di Dio, ecco colui che toglie il peccato del mondo! 

30- Ecco colui del quale io dissi: Dopo di me viene un uomo che mi è passato avanti, perché era prima di me. 

31- Io non lo conoscevo, ma sono venuto a battezzare con acqua perché egli fosse fatto conoscere a Israele».

32- Giovanni rese testimonianza dicendo: «Ho visto lo Spirito scendere come una colomba dal cielo e posarsi su di lui. 

33- Io non lo conoscevo, ma chi mi ha inviato a battezzare con acqua mi aveva detto: L'uomo sul quale vedrai scendere e rimanere lo Spirito è colui che battezza in Spirito Santo.

ROMANI 8

9- Voi però non siete sotto il dominio della carne, ma dello Spirito, dal momento che lo Spirito di Dio abita in voi. Se qualcuno non ha lo Spirito di Cristo, non gli appartiene.

10- E se Cristo è in voi, il vostro corpo è morto a causa del peccato, ma lo spirito è vita a causa della giustificazione.

11- E se lo Spirito di colui che ha risuscitato Gesù dai morti abita in voi, colui che ha risuscitato Cristo dai morti darà la vita anche ai vostri corpi mortali per mezzo del suo Spirito che abita in voi. 14- Tutti quelli infatti che sono guidati dallo Spirito di Dio, costoro sono figli di Dio.

15- E voi non avete ricevuto uno spirito da schiavi per ricadere nella paura, ma avete ricevuto uno spirito da figli adottivi per mezzo del quale gridiamo: «Abbà, Padre!».

INTRODUZIONE

Lo Spirito Santo non è una forza, influenza o potere emanato di Dio. Lui è la Terza Persona della Santissima Trinità. Sua attuazione nella bibbia è nota e piena: parte da Genesi fino Apocalisse. La parola di Dio in esso fa vedere come una persona che agisce, decide, guida e compi il piano della salvezza che il Padre vuole per l’umanità attraverso il sacrificio vicario del suo Unigenito.

Studieremo i nomi e simboli dello Spirito Santo. Per che quest’argomento è cosi importante? I nomi e simboli dello Spirito Santo rivelano il Suo carattere e opera. Se vogliamo imparare di più su la fede pentecostale, dobbiamo conoscere meglio il carattere e il ministero del Consolatore.

I – La pluralità dei nomi dello Spirito Santo

   I nomi dello Spirito Santo stanano legati alla Sua opera e carattere. Tra li Ebrei, il nome non era utilizzato soltanto per distinguere le persone, ma anche rivelarli il carattere e lo indolo (Genesi 25.26). Vediamo, poi, alcuni dei nomi dello Spirito Santo.

    1. Nomi dello Spirito Santo legati alla Trinità. Nella Parola di Dio, ci sono tanti nomi che descrivano la divinità dello Spirito Santo: Spirito di Dio, Spirito del Signore, Spirito di Cristo e Spirito del Suo Figlio (Gn 1.2; Isaia 11.2; Galati 4.16; Filippesi 1.19). Troviamo anche nomi che legano lo Spirito Santo direttamente con Dio e Gesù: Spirito di Gesù (Atti 16.7) e Spirito del nostro Dio (1 Co 6.11). 

  1. Il Consolatore. Questo è uno dei nomi più conosciuti dello Spirito Santo. A udire il Signore annunciare la Sua salita, i discepoli sono rimasti preoccupati. Chi gli avrebbe aiutato? Il maestro calma il loro cuore, assicurando di non lasciarli  orfani. Anche noi non siamo soli in questo mondo che regna il maligno. Contiamo con la dolce presenza dello Spirito Santo. Gesù ha promesso ai discepoli “Io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Consolatore perché rimanga con voi per sempre” (Giovanni 14.16). Lui sta con noi! Riesci sentire la dolce presenza del Consolatore?

Nel greco, la parola”consolatore” significa paracleto, e secondo la bibbia di studi pentecostale, paracleto è “ qualcuno chiamato a stare a fianco dell’altro per aiutare”.

  1. Lo Spirito della Vertià. Il Consolatore ha la missione di rivelare la verità di Dio in Gesù Cristo (Giovanni 14.6). Lo Spirito Santo convince l’uomo del peccato, della giustizia e del giudizio (Giovanni 16.8), lo facendo credere a l’unica verità - Gesù Cristo.

  2. Spirito di Grazia. Senza lo Spirito Santo non ci sono pentimenti. È Lui che ci convince dei nostri sbagli. Senza un vero pentimento non esiste salvezza per grazia. Il Consolatore comunica la Grazia di Dio a noi (Ebrei 10.29 e Zaccaria 12.10).

     5. Spirito di vita. Senza lo Spirito Santo, dovevamo essere morti con nostri reati e peccati (Ef 2.1). Lui ha operato in noi nella nuova nascita e ci ha dato nuova vita in Cristo ( 2 Corinzi 5.17).

II – I simboli Biblici

  1. La Bibbia e i simboli. La parola di Dio è ricca nel linguaggio simbolico. Per ciò, abbiamo bisogno della ermeneutica ed esegesi per avere la comprensione reale e giusta del testo Biblico. Tanti, per via di non conoscere il linguaggio, cominciano a creare figure e simboli impropri allo Spirito Santo. Per capire i simboli è necessario interpretarli dentro del discorso d’origine.

  2. Gesù ha utilizzato alcuni simboli. Il maestro ha utilizzato dei simboli per illustrare le verità spirituali per il discorso della Sua missione qui nella Terra (Giovanni 6.35; 8.12; 10.9;14.6). La Bibbia stessa, è representata per molti  simboli: spada (Ebrei 4.12), lampada (Salmo 119.105), cibo (Giobbe 23.12), latte (1 Pietro 2.2) e miele (Salmo 19.10).

III – I simboli dello Spirito Santo

  1. Fuoco (Luca 3.16). Nel Antico Testamento, “il fuoco” faceva parte della liturgia ebrea: simbolizzava la presenza di Dio, la purificazione e il giudizio divino (Esodo 3.2; Salmo 50.3;Isaia 6.1-7). In Luca 3.16, il fuoco è rappresentato come un elemento purificatore nella vita di chi riceve il battesimo con lo Spirito Santo. Il Consolatore aiutaci a vivere in santità, perche, in noi, c’è la santificazione (2 Ts 2.13).

Già rigenerati per lo Spirito Santo, torna nostro corpo tempio dello Spirito Santo (1 Corinzi 6.19). Questo significa che tutte le nostre azioni devono essere verso la gloria di Dio. Quando lasciamo il mondo, passiamo a essere proprietà solo a Lui. Lasci che il fuoco dello Spirito possa bruciare tutta la impurità, facendo reale presenza di Dio nella tua vita.

  1. L’acqua, fiume e pioggia (Giovanni 7.37,38). L’acqua è vitale per la natura. Senza di lei, l’essere umano non vive. Dio utilizzasi di questo elemento indispensabile per l’esistenza per fare vedere che lo Spirito Santo sazia tutta la nostra sete spirituale. Nel piano spirituale, l’acqua, fiumi e pioggia simbolizzano il muovere dello Spirito nella vita di quelli che ricevono Cristo (Giovanni 4.14).

La rinnovazione che l’acqua produce significa l’operazione miracolosa dell’Spirito Santo nella vita del uomo, producendo la rigenerazione e il sveglio spirituale (Tt 3.5). In Isaia 44.3 il Signore promette versare acqua su chi ha sete e fiume su la terra secca. Il profeta parlava del versamento dello Spirito Santo su una generazioni provenienti. La profezia hai cominciato a compirsi nel giorno di Pentecoste e prosegue attraverso del movimento pentecostale, il più grande ravvivamento della storia della chiesa cristiana.

  1. Timbro (2Co 1.21,22; Ef 1.13). “nei tempi biblici, il timbro era usato per designare la pose  di una persona su un obbietto  o cosa altro segnata”. Il timbro indica proprietà, Siamo timbrati dallo Spirito Santo quando accettiamo a Cristo come nostro unico e sufficiente salvatore. Oggi per la fede, siamo proprietà privata di Dio. Quando Cristo ritornerà a prendere la Sua chiesa, saliremo con Lui. Come possiamo avere la certezza che siamo stati timbrati? Secondo le scritture, il proprio Spirito Santo testifica con nostro spirito che apparteniamo a Cristo (Rm 8.16). Non possiamo dimenticare che lo Spirito Santo è anche il pegno dell’alleanza celestiale (Ef 1.14), ciò è, la garanzia di che riceveremo nostra eredità, poi siamo coeredi di Cristo (Rm 8.17°).

    

CONCLUSIONI

Quando consegniamo la nostra vita a Gesù Cristo, credendo in Lui come Salvatore personale, lo Spirito Santo passa ad abitare in noi. Lui è la nostra garanzia de che apparteniamo al Signor.    

Apparteniamo a Dio! Viviamo allora di modo santo piacevole al Signore e allo Spirito Santo che abita in noi.

Pastore Giovanni Rocha

 

 

 

 

Add comment



RADIO GOSPEL ON LINE

"